Novità

Che c'è di nuovo?

.

Novità

  • Che c'è di nuovo?

    Da SETTEMBRE prossimo HAKUNA MATATA diventa grande!!!

    Il nostro progetto didattico continua con l’apertura della

    Scuola Materna di Ispirazione e Metodologia Montessoriana con allenamento per lo sviluppo dell’Intelligenza Emotiva e con Attività in Lingua Inglese ogni giorno

    La Scuola Materna Hakuna Matata, nata dall’esigenza di continuare il percorso didattico del nido, si prefigge di unire le Indicazioni Nazionali del Curricolo della Scuola dell’Infanzia con la propria ispirazione e metodologia Montessoriana.

    La Scuola Materna rappresenta un luogo privilegiato di esperienza, di conoscenza e di socializzazione in cui il “vivere insieme” diventa un’esperienza fondamentale per la scoperta di sé stesso e per la propria collocazione nel gruppo di pari e successivamente nell’ambiente che circonda il bimbo e la sua comunità

    L’ambiente che Hakuna Matata si appresta a preparare tiene in grande considerazione i tempi di ciascun bambino nel pieno rispetto dei ritmi personali, delle particolari proprie capacità, delle differenze di ogni genere e della identità familiare che appartiene a ciascuno.

    L’ispirazione montessoriana

    “Aiutami a fare da solo” è la frase citata da Maria Montessori, che rileva la necessità interiore del bambino di agire sulla realtà per seguire il percorso del proprio sviluppo; in questa Scuola Materna questo diritto viene riconosciuto al bambino, secondo un percorso già indicato da Maria Montessori, promuovendo lo sviluppo globale per concorrere a formare “cittadini del mondo”. “Cittadini”, quindi, aperti al nuovo, capaci di decidere autonomamente le forme della propria vita, di orientarsi in contesti relazionali, sociali e politici diversi, consapevoli della propria identità culturale, fiduciosi nelle proprie capacità, in equilibrio affettivo, sempre disposti alla tolleranza, alla solidarietà, alla collaborazione più che alla competizione.

    Il Metodo ha come obiettivo primario, appunto, la conquista dell’autonomia individuale. Partendo dalla costatazione che lo sviluppo dell’individuo muove dall’interno verso l’esterno e che ciascuno ha competenze e potenzialità sue proprie e uniche, l’educazione non può essere indiretta.

    La maggior parte delle attività non viene proposta direttamente al gruppo con la richiesta di eseguirla, ma offerta alla scelta e all’iniziativa dei singoli bambini: libertà entro uno spazio ragionevole, possibilità di agire, di ripetere, di smettere secondo i propri ritmi ma con l’impegno di rimettere gli oggetti usati al loro posto per poter essere usati da altri. L’adulto non alza la voce, non sgrida, non comanda, non agisce al posto del bambino. Lo sostiene, lo si aiuta per quel tanto che è necessario senza spingerlo a competere, senza dare premi o castighi.

    "Il piccolo" scrive la Montessori, "rivela sé stesso solo quando è lasciato libero di esprimersi, non quando viene coartato da qualche schema educativo o da una disciplina puramente esteriore".

    Solo in questo modo il bambino impara ad autoregolarsi. Infatti secondo la Montessori il bambino per sua natura è serio, disciplinato e amante dell'ordine e messo a contatto con i materiali pedagogici adatti e guidato da un educatore "umile" e discreto è in grado di autoeducarsi e di dispiegare le sue potenzialità e andare a formare "un'umanità libera e affratellata".

    L’INTELLIGENZA EMOTIVA

    Questa forma di intelligenza, EMOTIVA, appunto, è la capacità di mettere insieme il pensiero razionale e le emozioni per vivere in modo più equilibrato e soddisfacente.

    Le componenti dell’intelligenza emotiva sono individuate, come cita Goleman, nella CONSAPEVOLEZZA di sé, la CAPACITA’ di utilizzare i propri sentimenti per un fine, la MOTIVAZIONE che spinge all’azione, l’EMPATIA ovvero la capacità di entrare in contatto profondo con gli altri, L’ABILITA’ SOCIALE, cioè la capacità di stare insieme agli altri.

    La poca abilità ad impiegare questa capacità intellettuale può arrivare a creare presupposti per una vita vissuta all’insegna delle paure esistenziali, della frustrazione, dell’insuccesso in ambito affettivo, professionale e personale.

    I bambini con intelligenza emotiva più sviluppata sono più sereni ed equilibrati, più sicuri di sé, stanno meglio in salute, stabiliscono relazioni più positive con i compagni e riescono a riprendersi più rapidamente dopo esperienze negative.

    Sviluppare questo talento, pertanto, è uno degli obiettivi primari della Scuola Materna Hakuna Matata con strategie scaturite dall’osservazione diretta del bambino, con l’attenzione mirata al linguaggio non verbale (il linguaggio del corpo, delle espressioni facciali…), con l’allenamento ad acquisire competenze per comunicare i propri pensieri.

gallery novità